4 Direzioni per non perdersi

0
176

di Carola Goglio
Blog, wiki, podcast, social network, ecc. , una giungla di strumenti messi a disposizione da Internet e dal Nuovo Web in cui è facile, per i non addetti ai lavori, perdersi. A mettere un po’ d’ordine ci hanno pensato due uomini AISM – Franco Giacomazzi e Marco Camisani Calzolari – che nel loro libro Impresa 4.0 propongono un modello a quattro direzioni per declinare la “relazione comunicativa d’impresa”. Non è facile per l’azienda del terzo millennio comprendere e , soprattutto , accettare che non può focalizzare l’ attenzione esclusivamente sulla value proposition (il prodotto e tutto quanto vi ruota intorno per creare valore per la clientela ) e sulle operations ( produzione, distribuzione ecc. l’insieme delle classiche funzioni aziendali ) , ma deve occuparsi anche di creare una vera e propria relazione con il mercato e con il mondo esterno. E’ il Web che lo chiede. Ma se da un lato il Web pretende dall’altro il Web offre . Gli strumenti ci sono, sono in rete disponibili e accessibili a tutti , alla grande e alla a piccolissima impresa, a costi estremamente contenuti se non addirittura gratuiti. Ma quali strumenti utilizzare per creare una relazione efficace ? Dipende lungo quale direzione l’azienda intende muoversi: se da dentro a fuori – dall’impresa al mercato -,se da dentro a dentro – all’interno dell’azienda con i propri dipendenti -, da fuori a dentro – per raccogliere informazioni dal mercato – o da fuori a fuori – per sapere che cosa il mondo racconta sull’impresa -. A seconda della direzione scelta Impresa 4.0 suggerisce gli strumenti, oltre a quelli tradizionali, più interessanti e ne spiega la filosofia sottostante e così si scopre che il blog è versatile e ben si adatta alle comunicazioni dentro-fuori e dentro-dentro, i social network sono interessanti per il fuori-fuori e per la raccolta di informazioni fuori-dentro , ecc.

Per approfondimenti: La Stampa.it