24-25 e 26/8 Local Fest 2012

0
181

Bondeno (FE), 24-25 e 26 Agosto

Local Fest 2012, una fiera della “Civiltà della Qualità” con al centro il “Comune”: nel dopo-terremoto, una nuova chance per tutto il paese.

Per 3 giorni, alla fine di agosto, Bondeno in provincia di Ferrara, epicentro del terremoto del 20 maggio, ospiterà la fiera del localismo in una prospettiva glocal. Animato da Adriano Facchini, ex direttore generale di tre Consorzi Agrari – Parma, Brescia e Ferrara, con la collaborazione di Fabrizio Bellavista, Associato AISM Associazione Italiana Marketing adrente al Dipartimento di Marketing Turistico e Territoriale , questo incontro rappresenta una nuova visione del territorio nel nome della “Civiltà della Qualità”.

La seconda edizione del Local Fest di Bondeno di Ferrara, la fiera del localismo e dei localisti in prospettiva glocal, quest’anno si svolgerà il 24, 25 e 26 agosto e assumerà un carattere di straordinarietà perché Bondeno è stato l’epicentro del terremoto del 20 maggio.

Il localismo, rappresentato da una riscoperta del Comune come hub di iniziative e progresso, sarà la grande opportunità per affrontare il futuro, con un nuovo modello di società in un clima di maggiore sobrietà e sostenibilità delle attività economiche. Questo concept si allargherà ad una prospettiva globale perché, come afferma Adriano Facchini, ex direttore generale di tre Consorzi Agrari – Parma, Brescia e Ferrara, esperto di marketing territoriale e animatore del Local Fest, “il concetto di Glocal interpreta perfettamente la relazione sempre più determinante tra la riscoperta e la valorizzazione del locale coniugata con il respiro globale dell’innovazione universale: le parole chiave sono: Storia, cibo e salute, ambiente e creatività sociale. Ma per fare questo è necessario, prima, rimettere al centro dei progetti, i Comuni d’Italia” conclude Facchini.

“Civiltà della Qualità”

“Il territorio sta assumendo un ruolo ogni giorno più importante per aziende, enti, persone e singoli prodotti, con i quali diventa una sorta di tutt’uno; per comunicarlo efficacemente, occorre conoscerlo bene e perciò viverlo direttamente, allacciando relazioni e studiandone la storia” così ci parla ancora Adriano Facchini. “Il locale produce mentre il globale sviluppa, anche attraverso le nuove reti sul territorio e i social network” conclude invece Fabrizio Bellavista esperto di social marketing, partner Psycho Research e rappresentante del Dipartimento di Marketing Turistico e Territoriale dell’Associazione Italiana Marketing. “Il nuovo” continua “ben rappresentato dalle fantastiche innovazione dei nostri giorni, si coniuga con i valori sani della tradizione italiana: stiamo costruendo la nuova “Civiltà della Qualità” come ha ben sintetizzato Facchini: nascono nuove professioni e vengono rivalutati antichi saperi che saranno la base della nuova rete italiana”.

Storia, cibo e salute, ambiente e creatività sociale sono le parole chiave

Il Comune di Bondeno diventerà, grazie anche a questa manifestazione, il cuore pulsante di un nuovo modello, in sinergia perfetta con le imprese e la società civile del territorio. Per questo Bondeno, avendo ottenuto nel 2011 il titolo di ‘città’ dal Presidente della Repubblica, ha deciso di caratterizzarlo sul filone del localismo, dedicandogli già nel giugno 2011 una fiera con convegni.

Il terremoto ha fatto spostare in avanti di due mesi la data dell’edizione 2012 e questo fa assumere al Local Fest un significato ancora più forte per gli effetti del sisma, aprendolo a tanti altri Comuni, alcuni dei quali saranno presenti con uno stand insieme alla loro azienda più significativa.

Uno dei momenti chiave del Local Fest, dal punto di vista dei contenuti, sarà il convegno del 24 agosto 2012 alle 16,30: presso la Pinacoteca Comunale si affronterà il tema del localismo alla presenza di molti Comuni di varie zone d’Italia e di importanti aziende. Il convegno sarà animato da Adriano Facchini e Fabrizio Bellavista: nuovi valori coniugati con le tecnologie di condivisione con al centro un nuovo modo di convivere, condividere e co-creare.